“Wu-Tang”: esce oggi su tutte le piattaforme digitali il nuovo inedito che segna il ritorno di Coez a due anni dall’ultimo album.

 

Alcuni spoiler social hanno anticipato l’uscita di “Wu-Tang” (Carosello Records), il nuovo inedito di Coez. In uscita oggi 23 settembre, il brano segna il ritorno del cantautore a due anni da È sempre bello”, album la cui title track è stata certificata con cinque dischi di platino ed è stata il singolo italiano più ascoltato su Spotify Italia nel 2019.

Il titolo è un riferimento al “Wu-Tang Clan”, il supergruppo culto americano e collettivo newyorkese che negli anni ’90 ha cambiato per sempre il mondo dell’hip-hop, nel segno dell’indipendenza creativa degli artisti ed elevando il concetto di crew a comunione collettiva.

Se con È sempre bello”, il suo ultimo progetto discografico, Coez si era reso portavoce della sua generazione e simbolo del nuovo cantautorato italiano, ora Il culto per la musica underground riaffiora in questo inedito, brano con cui Coez dimostra il proprio attaccamento alla cultura hip hop: rap nelle citazioni ma rock nelle intenzioni.

 

“Ho sempre amato i gruppi che potevano passare da canzoni introspettive a pezzi da un impatto più violento senza mai perdere di credibilità. Forse questo pezzo in particolare prende ispirazione da Song 2 dei Blur dove Damon Albarn sul ritornello cantava “When i feel heavy metal”. Ho pensato di tradurre tutto in un linguaggio più simile al mio mondo di appartenenza, e io quando ascolto il Wu-Tang vado fuori di testa” dichiara Coez. – “È partito tutto da un giro di basso che mi ha mandato Ford78, uno dei miei produttori storici, poi la produzione è stata terminata da Sine, altro mio collaboratore di lunga data. È molto significativo per me uscire dopo tanto tempo con una traccia fatta a sei mani con loro, che ci sono da sempre.”

 

Nei giorni scorsi Coez ha rilasciato personalmente alcuni spoiler del brano in DM ad alcuni fan in base ai commenti che ricevuti.

 

“Wu-tang” è un pezzo di rottura molto più vicino ai propri esordi musicali, quando il rap e l’attitudine rock erano alla base della creazione artistica di Coez e rappresentava il consolidamento della passione nata quando ancora tredicenne ascoltò per la prima volta una cassetta di Tupac.

“Wu-Tang” per Coez rappresenta non solo un rientro sulla scena, ma anche il ritorno alle origini musicali di uno degli artisti più interessanti del panorama musicale italiano, formatosi nell’ambiente urban di Roma e dedito al freestyle e all’hip-hop.

 

 

 

Coez | È sempre bello sbarca a Roma