“Freddo cane” è il nuovo singolo di Rovere feat. Mameli. Oltre 30 milioni di stream complessivi e un tour con più di 60 date nel 2019 segnano la rapida crescita della band, che incontra un quasi gemello di Nelson Venceslai in questo nuovo singolo prodotto da Matteo Cantaluppi.

 

“FREDDO CANE” – PRESAVE

 

Due volti diversi, ma simili. Due talenti lontani ma uniti da una strana somiglianza, di quelle che porterebbe a dire: Siete fratelli? O forse siete gemelli?.
A volte un incontro tra due artisti nasce cosi, dai messaggi dei fan che ti fanno notare sui social che esiste la tua “faccia gemella”. A quel punto, un po’ per gioco e un po’ per arte, non resta altro che cercare un confronto diretto con il proprio alter ego. Ed è cosi che nasce “Freddo cane”il nuovo singolo dei rovere feat. Mameli, in uscita il 12 febbraio per Sony Music Italy e prodotta da Matteo Cantaluppi e Marco Paganelli.
Tutti i fan ci scrivevano di questa somiglianza fisica, che quando avevo il pizzetto più lungo era ancora più evidente. Cosi io e Mameli abbiamo iniziato a sentirci, a conoscerci. Poi a scrivere. Il pezzo per un po’ è stato gestito a distanza, ci siamo incontrati per la prima volta in studio e dal vivo ho scoperto che è più alto di me!
Freddo cane è riferito a quello che ci circonda, che spesso ci trasmette inadeguatezza e confusione. Sentimenti freddi insomma, come il vento gelido del mare in inverno, e che possono essere ben rappresentati dall’immagine di un cane, solo a godersi il rumore delle onde. Pronto a ululare il suo essere perso nel mondo, ma pronto anche a trovare una nuova strada.” (Nelson)
FREDDO CANE ROVERE MAMELI
Dopo essere stata una delle band rivelazione del 2019, anno del debut album “disponibile anche in mogano” e dell’EP “ultima stagione, e dopo aver dominato leplaylist anche con l’ultimo singolomappamondo”, i rovere tornano con questo nuovo brano volutamente rappresentato in modo didascalico nella cover impaginata da Corrado Grilli (anche conosciuto come Mecna), da un panorama visibilmente “freddo” e da un “cane,” come da titolo.

Un successo sempre più generazionale: i rovere raccontano i vent’anni negli anni ’20 e l’amore ai tempi di un “tadb” come nessun altro.

Ma oltre l’ascesa digitale sulle playlist e sui social, dove la band conta oltre 90mila followers, c’è molto di più: un successo fatto di sold out, decibel e canzoni cantate a squarciagola. I rovere sono stati infatti protagonisti nel 2019 di circa 40 date estive e di una dozzina di date invernali da headliner, andate sold out nelle principali città, dal Largo Venue di Roma ai Magazzini Generali di Milano, dall’Hiroshima di Torino alla doppia data al Locomotiv di Bologna, loro città di provenienza.

I rovere – rigorosamente in minuscolo! – sono inoltre stati i protagonisti di una graphic novel tutta su di loro, “disponibile anche a fumetti”, pubblicata da Becco Giallo e disegnata da alcuni tra i migliori illustratori in circolazione, che hanno trasformano i rovere in un quintetto di supereroi capaci di grandi imprese attraverso la sola forza della musica. Nelson, Luca e Stiva decidono di accogliere ufficialmente nel team Marco e Davide, un tempo collaboratori fondamentali e ora membri effettivi di rovere.