“Hollywood” è l’ultimo singolo di Manfredi, prodotto da Matteo Cantaluppi per Foolica. Il brano anticipa l’album d’esordio in arrivo nei primi mesi del 2021 e segna il ritorno del cantautore, noto nella scena indie per brani da milioni di ascolti quali:Cuffiettee “Noi meno tu”. 

 

Manfredi, all’anagrafe Antonio Guadagno, classe 1998, nasce in provincia di Salerno. All’età di soli tre anni si trasferisce a Milano con la sua famiglia. Annoiato dalla monotonia dell’hinterland inizia a suonare la chitarra negli anni dell’adolescenza. La sua passione per la musica esplode e, così, a 17 anni inizia a scrivere canzoni e a registrare delle demo nell’armadio di un amico.

Nel 2017 viene notato dai ragazzi di Foolica che si innamorano dei suoi testi. Nasce quindi una collaborazione che lo porta ad entrare nel roster dell’etichetta. Parallelamente alla musica, Manfredi studia ingegneria al Politecnico di Milano, dove si laurea nel 2020. L’università, i primi amori, il passaggio dalla provincia alla città, sono per lui grandi fonti di ispirazioni per canzoni autobiografiche tra le quali 20143 Milano Navigli, Cuffiette e Noi meno tu, superando i 4 milioni di ascolti totali.

“Hollywood”, il suo ultimo singolo prodotto da Matteo Cantaluppi (Thegiornalisti, Ex Otago), prende ispirazione dai film romantici, che Manfredi descrive come “tutti uguali e con la stessa trama”, che tuttavia piacciono tanto. La verità è che grazie a quei film l’uomo sogna l’amore perfetto, che nella vita reale sembra sempre troppo complicato e drammatico. 

Hollywood è una presa di coscienza” – commenta il cantautore – “Sono io che accetto che se le cose vanno male è perché io ho bisogno che vadano male. Sono io che accetto che “mi piace solo quando è complicato, sì, ma tanto. Sono io che accetto che non era destino, che non potevo essere io la sua felicità. Questa canzone è un sorriso amaro a tutti gli amori che non ho saputo meritare.”

Ecco cosa ci racconta in questa video intervista: