È uscito il 24 Aprile “You Are Encanto” il nuovo video di Zipten, giovane promessa della musica elettronica, di chiara matrice ambient. Lo abbiamo raggiunto per un’intervista che ha spaziato dalla musica alla necessità di abbracciare il mondo in questo momento storico così particolare. 

 

 

Il singolo rappresenta un vero e proprio inno alla vita, tanto mai attuale oggi, in questa fase di pandemia, che ci costringe tutti all’isolamento e al distanziamento sociale. Ecco cosa ci ha detto a tal proposito Filippo Granata, in arte Zipten, in una piacevole chiacchierata durante la quale abbiamo spaziato dalla musica fino all’emergenza sanitaria, di come e quando potremo tornare ad abbracciare il mondo.

Ciao Filippo, benvenuto sul nostro magazine. Abbiamo avuto modo di ascoltare il tuo nuovo singolo, e ci ha molto colpito la bella dose di ottimismo che provi ad infondere in questa fase così difficile che tutti noi stiamo vivendo. Com’è nata l’idea?

Ciao, innanzitutto grazie a te e a voi. L’idea alla base nasce dal fatto che tutti noi siamo immersi nelle nostre vite e nei nostri problemi quotidiani non accorgendoci di tante cose meravigliose che ci circondano. Ci sono alcuni aspetti che diamo per assodati, ma che in realtà non sono per niente scontati: l’ambiente che ci avvolge e le relazioni con le persone a cui teniamo sono gli elementi che ho voluto enfatizzare attraverso “You Are Encanto” e su cui ho voluto incentrare il video. Specialmente in questo periodo così drammatico, ci stiamo accorgendo di come la vita sia un dono e di come siamo fortunati ad avere tutto ciò che di prezioso possediamo. Nel brano non ci sono lyrics in quanto produco tracce strumentali ma credo che, a volte, le note possano esprimere concetti e sensazioni meglio delle parole, specialmente se vi sono determinate immagini a supporto.

You are Encanto” nasce prima o dopo l’emergenza sanitaria? Ovvero, avevi già questa idea in testa o è nata dal disagio provocato dal Coronavirus?

È da un po’ di tempo che mi frullava l’idea in testa di produrre una traccia elettronica dance con un mood ottimistico e celebrativo della vita. Già nel 2019, quando è nato il progetto Zipten, avevo prodotto un brano dal titolo “Encanto” che non è nient’altro che il demo concept del singolo in uscita ora.

 

Raccontaci del tuo alter ego “Zipten”, qual è la sua origine?

Il progetto Zipten nasce nel 2019, e vede la collaborazione anche di mio fratello su qualche traccia a livello compositivo. Il nome è nato senza particolari riferimenti. Semplicemente durante una nostra brevissima sessione di brainstorming è uscito fuori il nome “Zipten” e ci è piaciuto per l’immediatezza della parola. Semplice!

“Cerco di creare musica che possa guidare

l’ascoltatore in un viaggio.”

Qual è l’obiettivo che vuoi portare avanti con questo progetto?

Attraverso questo progetto, cerco di creare musica che possa guidare l’ascoltatore in un viaggio. L’ascoltatore, dal mio punto di vista, è parte attiva e quindi deve lasciarsi trasportare attraverso la propria immaginazione. Sostanzialmente vorrei che ogni brano fosse un piccolo cortometraggio nella mente di chi ascolta, in cui l’input è la musica, ma l’output lo decide l’ascoltatore attivamente.

E, invece, Filippo chi è?

Per quanto riguarda Filippo, posso dirti che sono un ragazzo della provincia di Milano con una forte passione per la musica. Sono cresciuto ascoltando i vecchi cd dei Blink-182 e dei Linkin Park di mio fratello. Inoltre, mi sono approcciato al concetto di “bedroom producer” da sempre, inizialmente con dei campionamenti software di vari strumenti con cui creavo a piacimento degli arrangiamenti; passando poi ad una produzione professionale di più alto livello. Fondamentalmente mi è sempre piaciuto creare qualcosa partendo da un foglio bianco senza dettami o preconcetti.

ZIPTEN

In un periodo storico-musicale che registra il dominio del genere Indie, tu riprendi la tradizione della musica elettronica, che potremmo definire “ambient”, con “You Are Encanto”, un brano che ci fa viaggiare con la fantasia e ci proietta in un mondo ideale. Sicuramente un’alta dose di relax, che va ad unirsi ad un momento di sospensione di tutte le attività a livello globale…

Sì, esatto. “You Are Encanto” prova a portare per mano l’ascoltare per far riscoprire il bello che ci circonda a discapito di tutto lo stress e i problemi quotidiani che ci assillano.

“L’idea della ragazza e dell’utilizzo della realtà virtuale sono dettati da queste settimane di isolamento sociale.”

Rimanendo su questo punto. Il video ci fa pensare che il mondo che la ragazza vede (e riflette verso di noi) sia in realtà virtuale e non reale. Qual è il tuo punto di vista?

Il concept del brano e del video, come ti dicevo, è nato prima di questo periodo di emergenza sanitaria dovuta al Covid-19. L’ idea della ragazza e dell’utilizzo della realtà virtuale sono invece dettati da queste settimane di isolamento sociale. Il concetto è che la ragazza, attraverso la VR (virtual reality) vede e si immerge in ciò che oggi non ci è concesso più toccare con mano, il nostro mondo, la straordinaria natura che ci circonda.

Torneremo a godere di un mondo reale e straordinario, o questa situazione ci porterà – come sta accadendo – a vivere in un mondo di distanze, dove godere solo virtualmente della bellezza?

Con questo brano desidero sottolineare il fatto che non possiamo dare nulla per scontato nella vita e che dobbiamo imparare ad apprezzare ciò che di meraviglioso abbiamo. Spero che, superato questo periodo di isolamento, tutti avremo imparato qualcosa, riuscendo a dare più valore alla nostra vita.

Cosa prevede per il suo futuro Zipten?

Spero che quanta più gente possibile possa ascoltare la mia musica ed apprezzare la mia ricerca sperimentale. Vorrei, poi, realizzare alcuni video su brani già pubblicati e presenti sulle principali piattaforme digitali. Oltre ciò, sto lavorando sulle nuove tracce!

Di Francesca Maria Lovati


Questo sito fa uso di cookie che possono Contenere informazioni di tracciamento sui visitatori in modo da migliorare l'esperienza di navigazione. Continuando a navigare su questo sito accetti il nostro utilizzo dei cookie.