I Matinée annunciano il ritorno, dal 27 marzo, con un album dal titolo “Event Horizon” creato insieme a Chris Geddes (Belle and Sebastian). Un connubio di indie-rock ed elettronica ispirato agli anni ’80.

Matinée annunciano “Event Horizon”, il nuovo disco in uscita il 27 marzo 2020 per Neon Tetra Record e distribuito in Italia da Audioglobe.

Un album che fa tesoro delle esperienze musicali passate, di quel sound indie-rock e quella freschezza melodica che da sempre contraddistingue la band abruzzese che ha trovato accoglienza e successo in Inghilterra, e le esprime in una forma nuova, matura e contemporanea, venata di elettronica e synth, profondamente influenzata dagli Anni Ottanta.

L’album è nato in stretta collaborazione con Chris Geddes dei Belle and Sebastian, grande amico ed estimatore e ormai definitivamente un membro aggiunto della band, che ha partecipato alla creazione di ben sei brani sui nove totali. Altro ospite del disco, questa volta sul versante italiano, Pier Ferrantini (Velvet), che presta la voce nel brano “Satellite”.

Event Horizon” vanta la produzione di Tony Doogan, eletto da Billboard come uno dei migliori producer in circolazione e già al lavoro con artisti del calibro di Mogwai, Libertines e Glasvegas. Unica eccezione il brano “Goldfish”, prodotto da Julian Corrie, chitarrista dei Franz Ferdinand, una band a cui i Matinée sono profondamente legati: la loro carriera è sbocciata – fin dal nome, che si ispira alla celebre canzone del primo disco di Kapranos e soci – anche grazie alla band scozzese, che in passato li elesse a sua tribute band ufficiale e li scelse come gruppo d’apertura di alcune date italiane.

Definiti da Carl Barat dei Libertines come “la risposta italiana alla musica indie dei Naughties”, i Matinée sono un quartetto composto da Luigi Tiberio (voce, chitarra, synth), Alfredo Ioannone (voce, basso), Giuseppe Cantoli (chitarra) e Alessio Palizzi (batteria) che oggi si divide tra Regno Unito e Italia.

Matinée Event horizon

Proprio dal profondo legame con l’Inghilterra, che da sempre contraddistingue la band e che ora rischia di vacillare, nasce l’ispirazione per il disco.

Event Horizon” è infatti un viaggio sonoro concepito per dimenticare e cercare di superare la scoraggiante situazione politica e sociale inglese (ma forse anche quella italiana) contemporanea. Una sorta di consapevole escapismo intellettuale per non farsi sopraffare dalle preoccupazioni per una Gran Bretagna ormai rinchiusa dietro gli stagnanti muri della Brexit, che portano a sdoganare discriminazioni e atteggiamenti ai confini del razzismo.

Event Horizon” è un concept album che vuole guardare oltre: allo spazio e alle stelle, alle galassie e alla luna, per indagare ciò che non si può vedere a occhio nudo. Un implicito invito a non fossilizzarsi sui nostri microcosmi ma ad adottare una visione più ampia, inclusiva e globale.

Pubblicato a sei anni di distanza dal precedente “These Days” e dopo due anni di intensa lavorazione, “Event Horizon” si compone di canzoni coinvolgenti, che nascono arrampicandosi sulle tastiere per poi fondersi alle mai abbandonate chitarre e a trascinanti cori dall’attitudine pop. Strofe che esplodono in ritornelli incalzanti e ritmati dall’attitudine a tratti danzereccia a tratti più intimista, tracce elettriche ed energiche dove la musica si coagula attorno ai testi, immediati e incisivi.

Masterizzato ad Abbey Road Studio da Frank Arkwright, l’album è stato registrato al Castle of Doom Studios di Glasgow e sarà distribuito in CD, vinile, cassette e digitale.

Sono state annunciare anche le prime date live dei Matinée, che toccheranno sia l’Italia che la Gran Bretagna: la band è attesa il 28 marzo all’HMV di Brighton, il 22 aprile al Largo Venue di Roma e il 28 maggio al rinomato Paperdress Vintage Bar di Londra.


Questo sito fa uso di cookie che possono Contenere informazioni di tracciamento sui visitatori in modo da migliorare l'esperienza di navigazione. Continuando a navigare su questo sito accetti il nostro utilizzo dei cookie.