Si è svolto il 31 luglio 2019 alla Cavea dell’Auditorium Parco della Musica il concerto di Tony Hadley & Gerardo di Lella Pop O’rchestra.

 

Il festival “Roma Summer Fest” ha consegnato al pubblico intervenuto, un’altra perla che si aggiunge alle altre interessanti proposte artistiche già offerte.

In una serata davvero piacevole, anche dal punto di vista climatico, il pubblico è stato deliziato dalla voce di Tony Hadley e da un’orchestra composta da 34 elementi sapientemente diretti da Gerardo Di Lella.

Il cantante degli Spandau Ballet si presenta al pubblico di Roma in splendida forma. La sua voce intensa e tagliente è ancora quella che ha incantato e fatto innamorare le giovanissime degli anni ottanta e tra il pubblico dell’Auditorium, molte di loro sono presenti.

Il cantante britannico che è stato, con il gruppo degli Spandau Ballet, uno dei principali esponenti del genere New Romantic, è capace di passare con disinvoltura ad altri generi musicali come il pop il soul e lo swing. I brani eseguiti durante la serata di Roma spaziano dal repertorio degli Spandau e dall’ultimo suo album dal titolo “Talking to the moon” per poi passare a Frank Sinatra, Elvis Presley, Bobby Hebb (Sunny) e Percy Sledge (When a man loves a woman).

Tony Hadley è disinvolto sul palco, sa entrare in sintonia con il suo pubblico che ricambia con applausi e grande entusiasmo.

Il grande valore aggiunto della serata è la magnifica orchestra diretta da Gerardo di Lella, impeccabile in ogni settore, capace di entusiasmare grazie all’esecuzione di ritmi pop che, a distanza di anni, dimostrano ancora tutta la loro freschezza.

Il Maestro Di Lella, pianista, arrangiatore, compositore, che proviene da una famiglia di musicisti, vanta collaborazioni internazionali come quelle con Amii Stewart, Gloria Gaynor e Diane Schuur. Inoltre è stato, tra le tante cose fatte in carriera, anche direttore di orchestra a Sanremo durante l’esibizione di Little Tony.

La serata all’Auditorium con gli artisti sul palco di tal livello non poteva che essere di grande successo. Il pubblico apprezza: c’è chi si alza in piedi e si mette a ballare.

Ma l’entusiasmo sale alle stelle quando Tony Hadley inizia a cantare il brano “Gold”. In tanti si alzano e vanno sotto al palco per avvicinarsi il più possibile al cantante e la serata continua così. Tutto il pubblico in piedi fino all’ultima canzone che chiude il concerto: “My Way” di Frank Sinatra, seguita dai ringraziamenti di Gerardo Di Lella all’organizzazione, all’orchestra e al pubblico.

 

 

Set List:

Take back everything/Only when you leave/I’ll fly for you/Skin deep/Killer Blow/Round and rounds/When a man loves a woman/Fly me to the moon/Strangers in the night/Sunny/Bridge over troubled water/Through the barricates/Tonight belong to us/The lady is a tramp/I get a kick out of you/Lifeline/Bad bad Leroy Brown/Everytime/True/Gold/That’s life/My way

A cura di: Salvatore Orfino.


Questo sito fa uso di cookie che possono Contenere informazioni di tracciamento sui visitatori in modo da migliorare l'esperienza di navigazione. Continuando a navigare su questo sito accetti il nostro utilizzo dei cookie.