Ed eccoci qua a commentare la seconda serata del Festival, dando voce a #SANROMOLO, l’altra faccia del Festival. …Perché Remo ha i suoi lustrini e le sue paillettes e allora noi diamo voce a Romolo che ci racconterà l’altro lato del festival, fatto di satira e di tutto quello che nessuna ‘vita in diretta’ vi dirà mai della 67esima edizione del Festival.
#SANROMOLO, l’altra faccia del Festival. Leggi il PAGELLONE della seconda serata del Festival.

Dopo il boom della prima serata tornano “I promessi Sponsor” più in forma che mai… il ritmo migliora, sale il livello delle canzoni e delle interpretazioni e come una macchina di lusso, dopo il giro di prova, scaldati i motori parte a tutto gas verso l’infinito ed oltre!

Anche la seconda serata del Festival non poteva sfuggire al “Pagellone” di #SANROMOLO  e allora eccoli qua i nostri giudizi:

VOTO 10: ALLA NOTTE CHE NON PASSA MAI…
Eh si, anche questa sera il momento si ferma e l’emozione tocca l’apice grazie ad un super ospite, Giorgia. Una delle voci italiane più belle di sempre, elegante e intensa, ti entra dentro e ti fa respirare sempre un’aria buona.

VOTO 9: MA CHE “BRAVI” LA TURCI 
Parlavamo di un Sanremo senza sorprese e poi arrivano loro, Michele Bravi e Paola Turci in modo totalmente diverso riempiono il palco e portano due pezzi meravigliosi al nostro ascolto. Lui pallido e tremolante, ma con un carisma e un’intensità capace di reggere su un palmo di mano un brano di scrittura sublime. Lei, sorriso da leonessa e grinta da vendere, con una padronanza da leggenda e una verve che non vedevo dai tempi di Alice su quel palco.

VOTO 8: AL PICCIONE DI POVIA
Passano gli anni, passano le canzoni, i vestiti, le vallette ma lui è sempre qui, vuoi o non vuoi su questo palco. Il piccione di Povia è riuscito a superare anche l’apparentemente imbattibile Vessicchio come “presenzialista” del Festival.

VOTO 7: AL MAGLIONE ARANCIONE, IL GORILLA E DAI STAPPA UN CRODINO CON KARMA
Eh si … Perchè quando Gabbani si è presentato sul palco con un maglione ANAS mood totalmente arancione, accompagnato da un gorilla che gli girava intorno, il richiamo allo spot dell’analcolico biondo è stato immediato. Il pezzo fa ballare, sembra di averlo sentito da sempre fin dal primo ascolto… forse perchè ricorda “vagamente” Run to me di Tracy Spencer?

VOTO 6: A ” SCIOPE’ ” GRANDE PIANISTA… CHE ORA E’ DIVENTATO ANCHE AUTORE
Quando il Capitano ha ribattezzato Cheope chiamandolo “Sciopè” ha fatto un cucchiaio porta fortuna per quella che forse è stata l’esibizione migliore della seconda serata, un diario degli errori dove di errori ce ne erano davvero pochi.

VOTO 5: ALLE MANINELLEMANINELLEMANINELLEMANINELLEMANINELLEMANIUno Zarrillo periodico che ti tira fuori una canzone orecchiabile con un ritornello che potresti cantare all’infinito ripetendo questo titolo simil-palindromo per ore ed ore. In tutti i luoghi e in tutti i laghi andavamo su su su nel cielo e giù giù giù nel mare tenendoci maninellemaninellemaninellemaninellemani…. bene, ora il quadro è completo.

VOTO 4: ALL’IMMAGINE DELLA CLERICI DIETRO LA BATTERIA 
Perchè se il buongiorno si vede dal mattino, la nuova trasmissione della Clerici poteva scegliere un promo migliore di lei in abito da sera che lancia le bacchette alle sue spalle simulando un gesto da rockstar ma con la credibilità di un messaggio su una felpa di Salvini.

VOTO 3: ALLA PALLONATA IN FACCIA A GILETTI
Ebbene si, non tutti se ne sono accorti ma il momento del genio questa sera è sceso come un’illuminazione su Federico Russo che, preso da spirito Fantozziano, durante lo sketch tra Conti (non Bruno ma Carlo) e il Capitano, decide di alzarsi e sparare una pallonata fortissima in faccia a Giletti che per poco rischia di sfigurare anche la Parodi. Ci avrebbe fatto almeno due puntate de “La vita in diretta” però….

VOTO 2: ALLA SCELTA CORAGGIOSA DI KEANU REEVES DI RINUNCIARE PER SEMPRE ALLO SHAMPOO
Perchè va bene tutto, scarpe marrone stile “Tobacco” comprese… ma non ti puoi presentare sul palco dell’evento italiano più importante con un dito di unto sulla testa dai….

VOTO 1: AGLI ANTICORPI DI CHUCK NORRIS DEL SIGNOR TURI
La rubrica indispensabile dell’eroe del giorno oggi ci presenta la storia del Signor Turi… e scommetto che anche voi vi siate chiesti subito come abbiate fatto a vivere finora senza averla conosciuta…. Il signor Turi ha lavorato per 40 anni senza saltare nemmeno un giorno… questo ci porta ad un’unica considerazione: il signor Turi ha degli anticorpi migliori di quelli di Wolverine.

VOTO 0: AL POVERO DIVANO DEL 1965
Che è stato prima torturato e poi scuoiato per realizzare il “meraviglioso” abito del cantante RAIGE.

E domani si continua… con la serata di tutto un po’…. cover, ripescaggi, eliminazioni e altre nuove (speriamo migliori di quelle di stasera) proposte.

Con amore, ovviamente nellemaninellemaninellemani…
Stefano Pulcini

#SANROMOLO
#SANREMO2017
#SECONDASERATA
#PAGELLONE
#FOLLOWTHENOISE
#NOISELETTER

 

 


Questo sito fa uso di cookie che possono Contenere informazioni di tracciamento sui visitatori in modo da migliorare l'esperienza di navigazione. Continuando a navigare su questo sito accetti il nostro utilizzo dei cookie.