Su NoiseLetter le interviste esclusive ai concorrenti in gara a La Milano Sanremo della Canzone italiana 2017. Oggi vi presentiamo Mara Cacia, in gara con il brano “E adesso buona fortuna”. 

La Milano Sanremo della Canzone italiana 2017 è una manifestazione itinerante che parte da Milano e – dopo aver attraversato alcune delle più importanti regioni italiane – taglia il traguardo a Sanremo l’8 Febbraio 2017 durante la settimana del Festival della Canzone Italiana. L’artista avrà la possibilità di esibirsi in distribuzione radiofonica sulle emittenti del Circuito Radiofonico Nazionale Le 100 Radio. A giudizio della Direzione Artistica verranno le scelte le migliori opere per l’assegnazione del prestigioso Gran Trofeo REA – Le 100 Radio.

Tra i concorrenti in gara c’è Mara Cacia che ha raccontato a noi di NoiseLetter i suoi sogni e le sue passioni….

 

Mara Cacia a L’Asino che vola (Photo credit: Gianfranco Schetter)

Mara Cacia a L’Asino che vola (Photo credit: Gianfranco Schetter)

 

Com’è nata la tua passione per il canto?

Come dico sempre questa passione è nata forse ancor prima che nascessi io! Infatti non so dare una data di inizio o dire “come” sia nata, so solo che da sempre ho dimostrato un certo interesse per la musica. Un interesse che negli anni è sicuramente cresciuto. Da piccolissima ho sempre ascoltato tanta musica e tanti artisti. Da Giorgia a Nina Simone, da Elisa a Barbra Streisand, Aretha Franklin, Michael Bolton e tanti altri. Poi c’è da dire che nella mia famiglia si è sempre respirata aria di musica grazie anche a mio nonno che suonava e cantava con la sua band. Pian piano però ho avuto un forte bisogno di avvicinarmi al canto. Cantando ho sempre avvertito delle emozioni forti e nuove. Così ho deciso di farlo in modo serio iscrivendomi ad una scuola di canto prima a Catanzaro e poi a Roma. E da li ho iniziato a partecipare anche a vari concorsi regionali e nazionali tra cui il Festival di Castrocaro, Forza Canzone d’Italia nel Mondo e tanti altri.

Hai mai sognato di ascoltare in radio una tua canzone?

Ho sempre sognato di ascoltare in radio una mia canzone, credo sia un’emozione indescrivibile! E credo sia ancora più emozionante ascoltare in radio un brano che hai scritto, che è nato quindi dalle tue mani.

E di duettare con un big della musica?

Credo che duettare con un Big sia un sogno per tutti! E ci sarebbe l’imbarazzo della scelta!

C’è una canzone che hai ascoltato per la prima volta in radio e che ti ha fatto pensare “questa avrei voluto scriverla io!” ?

Si, I Will Pray ( Pregherò ) di GiorgiaAppena l’ho ascoltata ho pensato…Ma l’ho scritta io???

Di cosa parla “E adesso buona fortuna”, il brano che presenti a La Milano Sanremo della Canzone Italiana?

“E adesso buona fortuna” non è un brano autobiografico e parla di una storia d’amore finita purtroppo non bene. Una storia in cui si è dato tanto, forse tutto, ma non è stato abbastanza. E’ un brano che deve far passare un messaggio importante: quando finisce un amore bisogna con forza e coraggio rialzarsi sempre e andare avanti amando sempre e più di prima. Amare oggi è l’unica cosa che di bello ci resta e ci rende migliori, in questo mondo ormai troppo spesso in lacrime.

Cosa ti aspetti da manifestazioni come La Milano Sanremo della Canzone italiana?

Mi aspetto tante nuove emozioni e tante nuove collaborazioni musicali!

Sogni il palco dell’Ariston?

Il palco dell’Ariston è sempre stato il mio sogno. Anche se il Festival è spesso oggetto di critiche, io voglio conservarne la sua immagine più pura e vera. Ogni anno quando lo guardo da casa penso: Mah… chissà se un giorno potrò cantare su quel palco! Vorrei realizzare questo sogno per me, per la mia famiglia e per tutti quelli che hanno sempre creduto in me o che inizieranno a crederci da domani.

 

#FollowtheNoise…

 


Questo sito fa uso di cookie che possono Contenere informazioni di tracciamento sui visitatori in modo da migliorare l'esperienza di navigazione. Continuando a navigare su questo sito accetti il nostro utilizzo dei cookie.