Phoney Music Entertainment è il secondo biglietto da visita del polistrumentista e cantautore Massimiliano Raffa, aka Johann Sebastian Punk.

Phoney Music Entertainment

Sicuramente un nome del genere non può passare inosservato. Suscita interesse e curiosità alla prima lettura, ti aspetti qualcosa di assurdo, di particolare e l’ascolto effettivamente conferma le aspettative. Johann Sebastian Punk è un progetto nato nel 2012 a Bologna e capitanato dall’artista Massimiliano Raffa che con la sua particolare voce esprime doti teatrali con varie sfumature stilistiche ed artistiche. Il loro esordio discografico More Lovely and More Temperate è stato il primo album finalista in lingua inglese alla Targa Tenco per la “Miglior opera prima” ed ha ricevuto un’infinità di commenti positivi dalla totalità delle riviste e siti del settore.

JSP a mio avviso utilizza la stessa analogia degli Eagles Of Death MetalQuesti ultimi cercano di immaginare gli Eagles in versione Death Metal, suonando in realtà garage rock; allo stesso modo i Johann Sebastian Punk, pur non suonando effettivamente Punk, immaginano Bach che si cimenta assurdamente nel suonare il genere dei Sex Pistols. Il risultato è un’infinità di generi, difficile elencarli tutti: dallo space rock bowiediano alla musica classica, dalla musica jazz con tinte carioca a quella elettronica, tutto questo con una cornice glam retrò che rende l’ascolto ancora più intricato.

Phoney Music Entertainment è il secondo lavoro dei JSP ed è un viaggio nel surrealismo, una colonna sonora perfetta per immergersi nei quadri di Pollock o Dalì. Non a caso la copertina è una fantastica realizzazione astratta di un paesaggio con lavatrici, cani volanti ed edifici destrutturati. L’overture è Mankind Blues, un’opera di base electro-rock alla Mike Oldfield ma realizzata con un ensemble di fiati con sentori jazz. Confession è uno dei singoli estratti ed è una ballad space rock dove la moderna psichedelia viene esaltata da un lavoro vocale sui generis. Il secondo singolo Tragedy è un insieme tra Franz Ferdinand e Muse ma senza allontanarsi troppo dal sound dei JSP. Il brano di spicco di Phoney Music Entertainment a mio avviso è The Quintessential, una effettiva rivisitazione del genere classico-barocco interpretato in chiave moderna con sintetizzatori, mellotron e beat elettronici.  Grazie a Phoney Music Entertainment i JSP confermano le aspettative suscitate con il primo lavoro e attraverso un melting pot riuscitissimo comunicano la loro voglia di cambiare la realtà, distorcerla per assaporarne una diversa sfumatura.

di Antonio “Silent” Matera

#FollowtheNoise…

I Joe Victor fanno bene alla salute @ Atlantico

#NoiseLetter Siamo andati a sentire i Joe Victor all’Atlantico di Roma! Ci hanno conquistati con stravaganza e simpatia. Secondo noi fanno bene..

16 mi piace1 giorno fa

Stef Burns @ Asino che vola di Roma

#NoiseLetter STEF BURNS torna in Italia per una breve serie di date. Siamo andati anche noi dagli amici de L’Asino Che Vola di Roma per scattare..

18 mi piace2 giorni fa

Depeche Mode e le date italiane: il sesso tra l’elettronica e il rock - Noise Symphony

#NoiseLetter Potevamo mancare alle date italiane del Global Spirit Tour dei Depeche Mode ? Leggi la recensione del concerto di Torino del 9 dicembre..

14 mi piace3 giorni fa

Three…two…one… #Launch #FollowtheNoise ~ — Prodotti mostrati: Produzione artistica.

13 mi piace4 giorni fa

Il nuovo disco dei Joe Victor racchiude il divertimento, i Night Mistakes e gli Anni 70 - Noise Symphony

#NoiseLetter I Joe Victor saranno venerdì 15 all’ Atlantico live con il loro disco Night Mistakes. Leggi la nostra recensione ! #FollowtheNoise..

12 mi piace5 giorni fa