“Ventuno anni fa uscì il nostro primo disco,Lamb’, che stasera vi suoneremo per intero nel primo set. Il secondo set del concerto sarà un viaggio nella nostra produzione più recente” così ci spiega Lou quando i 5 elementi del gruppo hanno trovato posto sul palco.

I duo amore-odio Andy Barlow e Lou Rhodes fonda i Lamb a Manchester. Siamo nel 1995, nel bel mezzo di una decade densissima di svolte musicali e in cui si fa largo la “nuova elettronica” in cui come sempre l’Inghilterra fa da capofila. Tri-Hop, Drum’n’bass, Dub, Ambient-Techno, Free e Nu Jazz, tutti stili che vivono nelle espressioni vivide dei Massive Attack, Morcheeba, Chemical Brothers, Bjork, Portishead, Tricky, Thievery Corporation, Groove Armada, Archive, Orb, Skylab, Air, e via dicendo.

Il primo disco dei Lamb è un riuscitissimo incontro tra l‘elettronica e la musica intimista. Come i suoi simili suona diverso da ogni altra cosa ascoltata in quel momento e si va ad aggiungere all’immenso patrimonio artistico che hanno prodotto i ‘90s, così allineati al presente eppure già intinti nel futuro.

Un concerto all’Auditorium è sempre una garanzia per la qualità audio, di cui ne esalta la nitidezza e il colore. I Lamb si fanno perdonare l’aver aperto con 40 minuti di ritardo dimostrando di essere in formissima, carichi e sorridenti – fattore sempre apprezzato. Sintetizzatore, contrabbasso, batteria e poi l’alternanza di violino e tromba: questi ultimi sono due strumenti che si poggiano in forma assolutamente perfetta sul tappeto musicale.

La cantautrice Lou nel primo set sfoggia un abito a metà tra una dea greca e una ninfa dei boschi, nel secondo set ha invece un abito più etereo ed elegante, con favoloso pittoresco copricapo.

Lamb in concerto a Roma

Dopo il primo brano la band sveglia la Sala Sinopoli invitando il pubblico ad andare sottopalco, e così accade, dacché in pochi rimangono seduti, qualcuno in platea e di più in galleria. Dopo un po’ Lou esorta proprio quelli lì ad avvicinarsi perché, dice lei, “quelli seduti hanno sorrisi poco felici”. Che bel piglio!

Dimostrando grande padronanza del palco e del pubblico, Lou è cordiale, aperta, scherza e ci regala dei larghissimi sorrisi. Voce in gran spolvero, col suo timbro caldo ed evanescente. A vederla si rimane incantati. Sempre in perfetta sintonia con colui che chiama “fratello”, Andy. Lui ha una gran presenza scenica, un suono molto corposo e forsennato, e a volte lascia il suo synth per prendersi il proscenio e salire sulle spie per incitare tutti a ballare… e noi non ce lo facciamo ripetere due volte. Poi quando la tromba di Kevin G. Davy assume il ruolo di protagonista allora la temperatura in sala comincia a bollire e non ce n’è più per nessuno.

Ci si è chiesti se è giusto organizzare un concerto in una sala quale quella dell’auditorium e far pagare le poltrone in velluto rosso per poi stravolgere il setting, ma a volte la musica prende vita ed è bello vedere quando un’artista richiama la partecipazione attiva del pubblico. E confermo che giù nel parterre la musica ha messo le ali.

Setlist:

Set I:  Lusty/Godbless/Cottonwhool/Tfa/Zero/Merge/Gold/Closer/Gorecki/Feela

Set II: Angelica/What a sound/Little things/Ear parcel/We fall in love/Satellites/Backspace/Illumina/Gabriel

#FollowtheNoise…

Author Giorgia D'amore

Nata nel 1984 a Roma, porto avanti le mie passioni per la musica, il teatro, l’archeologia. Ho camminato su diverse strade e ho voglia di percorrerne ancora molte altre, tenendo cari gli istanti e le piccole cose. “If you’re going to try, go all the way. Otherwise, don’t even start. If you’re going to try, go all the way. This could mean losing girlfriends, wives, relatives, jobs and maybe your mind. Go all the way. It could mean not eating for 3 or 4 days. It could mean freezing on a park bench. It could mean jail, it could mean derision, mockery, isolation. Isolation is the gift, all the others are a test of your endurance, of how much you really want to do it. And you’ll do it despite rejection and the worst odds and it will be better than anything else you can imagine. If you’re going to try, go all the way. There is no other feeling like that. You will be alone with the gods and the nights will flame with fire. Do it all the way. You will ride life straight to perfect laughter, it’s the only good fight there is. (“Roll the dice” by Charles Bukowski)

More posts by Giorgia D'amore

Leave a Reply

Arriva a Milano la prima edizione della Milano Music Week - Noise Symphony

#NoiseLetter Ad inaugurare la Milano Music Week al Teatro Dal Verme sarà Niccolò Fabi che celebra quest’anno vent’anni di successi con..

19 mi piace1 giorno fa

“Non c’è mai fine. Ci sono sempre dei suoni nuovi da immaginare, nuovi sentimenti da sperimentare.” (John Coltrane) #FollowtheNoise ~

17 mi piace3 giorni fa

Controluce, il disco d'esordio di Andrea Poggio. In radio l'omonimo singolo - Noise Symphony

#NoiseLetter Un album caratterizzato da un’inedita ed equilibrata sintesi tra suoni sintetici e acustici. È “Controluce”, il disco d’esordio..

15 mi piace4 giorni fa

Il bacio di Carlo Verdone Official porta fortuna ! ❤️ ☘️ “Potrebbe essere” di Silvia Salemi è stato premiato ieri al Roma Videoclip..

25 mi piace4 giorni fa

Lamb in concerto a Roma: tra l’elettronica e la musica intimista - Noise Symphony

#NoiseLetter “Siamo nel 1995, nel bel mezzo di una decade densissima di svolte musicali in cui si fa largo la “nuova elettronica” dove, come..

19 mi piace6 giorni fa