Tra Gerard Damiano e Robert Rodriguez, fra estetica da cinema hardcore e atmosfere alla “Grindhouse”, è on line “Botox”, il nuovo video di Myss Keta nei panni di una supersexy paziente alle prese con una conturbante dottoressa interpretata dall’attrice Tea Falco.

“Botox” è il terzo singolo che anticipa “Una vita in capslock”, il nuovo disco di Myss Keta in uscita il 20 aprile per Universal Music/La Tempesta, già in pre-order in special price su iTunes per il digital, su Amazon per la copia fisica e in presave su Spotify. Dominato da luci caldissime, tende e poltrone di velluto rosso, nel video di “Botox” la nostra Myss Seta si muove all’interno di un teatro mentre la canzone svela un altro momento della sua lotta interiore che percorre le tracce di tutto l’album.

Ma cos’è “Botox”? Una metafora esistenziale? La ricerca di una risposta?            Botox” è un fumoso film in pellicola dal sapore piccante e soffuso, proiettato in una decadente sala da cinema d’essai della periferia romagnola. È la cronaca della violenza di un imminente contagio a diffusione globale, che viene sapientemente soffocato con soffice seta e dolci parole sussurrate all’orecchio. È una tanto misteriosa quanto sensuale dottoressa che da lontano ci porta finalmente il rimedio che tutti bramavamo, senza saperlo nemmeno: Bo-toxUn montaggio frenetico che alterna accelerazioni e rallentamenti, macchina a mano e lentissimi zoom, fa da ritmo visivo a un brano vorace e aggressivo sulla necessità imposta di voler e dover apparire. Una canzone in perfetto revival fidget-house prodotta da Astronomar e Bot, (ex Crookers), uno dei padri fondatori di un genere che a metà degli anni 2000 trasformò l’house music, inserendo elementi ipnotici da rave party e ritmi breakbeat. L’#Uvic Tour prenderà il via giovedì 19 aprile dai Magazzini Generali di Milano, la città che l’ha vista nascere e diventare “la stella più brillante dello star system contemporaneo”. Il tour è organizzato da DNA Concerti.

Myss Keta è l’angelo dall’occhiale da sera. E dal volto velato. La sua identità nascosta è il modo migliore per dire la Verità, perché “non avendo volto, c’è un po’ di Myss in ognuno di noi”. Segno zodiacale: “Vergine, ma non troppo”. Performer situazionista, rapper dall’attitudine punk, icona pop e diva definitiva. Myss Keta è di Milano, e non potrebbe essere altrimenti. Da vera leader, guida una truppa d’assalto che risponde al nome di “Le ragazze di Porta Venezia”, fanciulle prorompenti come quelle di Varla in “Faster, Pussycat! Kill, Kill!” di Russ Meyer. Più conturbanti ma meno pericolose. Con loro, infiamma i palchi dei maggiori festival e club di tutta Italia in un tripudio di techno, house, dubstep, rap che sembra generato dal suo stesso corpo. Bassi profondi battuti da vertiginosi tacchi a spillo glitterati. Una vera sacerdotessa della notte che aizza le masse di fedeli con il suo verbo dissacrante, eccessivo, radicalmente iperrealista. I suoi live sono esperienze extrasensoriali, i suoi testi la radiografia di una Nazione.

Ha esordito nel 2013 con “Milano, sushi e coca”. Da lì in poi, una serie di successi stratosferici come “In gabbia (non ci vado)”, “Burqa di Gucci”, “Le ragazze di Porta Venezia”, raccolti successivamente nel greatest hits “L’angelo dall’occhiale da sera: col cuore in gola” (2016). Nell’estate 2017 pubblica per l’etichetta La Tempesta l’EP “Carpaccio ghiacciato”, prodotto da Motel Forlanini, in cui spiccano le collaborazioni con Riva e Populous, che ha prodotto il singolo “Xananas”Con fare camaleontico dice di aver trascorso estati in compagnia dell’avvocato Gianni Agnelli ed Edwige Fenech negli anni ’80. Negli anni ’90 invece sostiene di aver flirtato in barca a vela con Massimo d’Alema al largo della Costa Smeralda, e con Sophia Loren a Courmayeur. Ancor prima di tutto ciò sembrerebbe essere stata la prima musa di Salvador Dalí e Andy Warhol, per citarne alcuni, dopotutto l’arte l’ha sempre affascinata, fin da quando fu la prima a scoprire che dietro l’enigmatico sorriso di Monna Lisa c’era semplicemente un robusto uso di ketamina. Una donna di spettacolo, ma soprattutto uno spettacolo di donna, che non ha saputo dir di no agli insistenti corteggiamenti del mondo della moda, che l’ha fatta diventare la modella e icona più desiderata da svariati stilisti del Bel Paese e non solo.

#UVIC TOUR

19 Aprile  Milano magazzini generali 

20 Aprile  Caserta SMAV 

30 Aprile   Roma Monk 

  4 Maggio Bologna Locomotiv

  5 Maggio Livorno The Cage

26 Maggio Molfetta (BA) Eremo Club 

#FollowtheNoise…

Record Store Day 2018, a playlist by Noise Symphony on Spotify

Fate partire il giradischi e lasciatevi trasportare… #FollowtheNoise ~ #RecordStoreDay #NowPlaying

19 mi piace1 giorno fa

Siamo pronti al taglio della torta ! Domenica 22 aprile parliamo di #Noise al compleanno de L’etichetta prude, con i nostri artisti e con gli..

14 mi piace1 giorno fa

La vita liquida

E sotto questo sole Potrei evaporare E diventare nuvola Magari un temporale Brunori Sas #NowPlaying

25 mi piace2 giorni fa

Marco Guazzone & Stefano Costantini degli Stag in Concerto al Mons - Noise Symphony

#NoiseLetter Questa sera @ MONS di Roma due di una band che è un’eccellenza italiana: Marco Guazzone e Stefano Costantini degli Stag. Leggi..

11 mi piace2 giorni fa

Sulla macchina del tempo con Giorgio Baldari…vintage per un giorno! “La strada è di tutti” #Videclip #Comingsoon #FollowtheNoise ~

18 mi piace3 giorni fa